Kyoto Judo Kai a.s.d.

Kyoto Judo Kai - Associazione Sportiva Dilettantistica

Risorse

La Voce del Kyoto Cultura giapponese

La cultura giapponese

Una piccola introduzione

La cultura giapponese è un caso molto particolare nel panorama internazionale; essa si è evoluta in un Paese storicamente isolazionista e quindi si è evoluta in maniera tutta sua.
I giapponesi dall’introduzione del Buddhismo (VI sec.) hanno sempre accolto tutto ciò che giungeva dall’esterno con molta difficoltà poiché non volevano intaccare l’innata sensibilità giapponese. Ma ciò non significa che la cultura non si sia trasformata nel tempo. Difatti, seppur riluttanti, i giapponesi hanno preso e appreso parti di culture straniere e le hanno poi rielaborate e trasformate per rendere tutto più congeniale alla loro cultura.
Un esempio è la stessa scrittura giapponese che deriva da quella cinese ma, nel corso dei secoli, è stata talmente rielaborata, tanto che ora i punti in comune sono veramente pochi; lo stesso è avvenuto anche con la cultura americana post seconda Guerra Mondiale.
La prima forma di cultura, per tutte le culture, è senz’altro l’arte: l’abbellimento di oggetti quotidiani è una tappa primigena fondamentale ed è proprio ciò che è successo in Giappone durante il periodo Jōmon (circa dall’ 11,000 al 400 a.C.). I primi reperti risalenti a questo periodo sono dei vasi di terracotta sui quali, prima della cottura, venivano premute delle corde che lasciavano specifici disegni a seconda dell’intreccio che avevano.
Con il passare del tempo la complessità e la varietà di tali reperti fece da marcatore per una più approfondita comprensione dell’evoluzione demografica e socio-culturale del Giappone antico. Si notò infatti che la complessità dei disegni coincideva con l’aumentare della popolazione e con la sua stratificazione: le tribù nomadi erano diventate stanziali e avevano aumentato i loro membri; ciò portò ad una ricerca spontanea del gusto estetico e alla creazione dei vasi a forma di fiamma (kaen doki).
La creazione artistica ha però una contrazione nel periodo tra il  1500 ed il 100 a.C. dovuta alla carenza di cibo e alla dure condizioni di vita portate dalla piccola era glaciale di quel periodo. Le opere di quel periodo vertono su figure femminili dalle forme abbondanti ed in salute, create come auspicio per il ritorno di una condizione di vita migliore.
Con la fine dell’era glaciale si ha il periodo finale dell’epoca Jōmon (1000-400 a.C.) dove si nota una stratificazione culturale. Infatti si hanno sì recipienti di migliore manifattura e di maggiore rilievo artistico, ma sono concentrati in una parte minoritaria delle tombe, il che ci fa presupporre una sorta di gerarchia formatasi in questo periodo, forse come adattamento al periodo di stenti precedente.
Copyright © 2013 Kyoto Judo Kai A.S.D. (c.f. 90005160289 - p.iva 05040500281).
Tutti i diritti riservati.

Web design by
Diego Lancini

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information